Come creare una Landing Page di successo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
BLACK FRIDAY PER I COMMERCIANTI: 4 CONSIGLI PER SFRUTTARLO LA MEGLIO

INDICE DEI CONTENUTI

Come dicevamo negli articoli precedenti, il punteggio di qualità è un indicatore che decreta la validità di una campagna e il relativo costo. Per avere un valore alto bisogna anche creare una landing page performante.

La pertinenza, come ci suggerisce la parola stessa, indica quanto l’annuncio è in linea con keyword utilizzate; il CTR indica l’attrattività dell’annuncio e si basa sul rapporto tra visualizzazioni e click; la landing page nella quale si valuta l’esperienza di navigazione dell’utente.

La pagina di atterraggio ha anche un altro importante obiettivo: generare conversioni. Data l’importanza che quest’ultima ricopre nella catena del valore, vediamo come realizzare una landing page di successo.


Prima di ogni cosa è bene sapere che nella nuova versione di Ads è prevista la possibilità di creare annunci in automatico cioè, dopo aver creato il gruppo di annunci e collegato la landing page, il sistema suggerisce l’annuncio da inserire (in base alle informazioni presenti sulla pagina di atterraggio).

In alternativa è possibile procedere con il metodo “standard” cioè scrivendo gli annunci di proprio pugno.Inoltre, per attestare la validità della pagina e valutare l’esperienza d’uso degli utenti, Google utilizza i suoi AdsBot che hanno il compito di testare:

  • La specificità, cioè se la pagina contiene le parole utilizzate per attivare gli annunci,
  • L’originalità, Google riesce a capire se l’annuncio è autentico o è copiato da altre pagine,
  • La trasparenza rispetto la privacy,
  • L’affidabilità,
  • Il valore dei contenuti,
  • La presenza di pubblicità molesta,
  • Se la pagina è fruibile anche da mobile,
  • La velocità del sito.

E’ impensabile quindi, costruire una landing page priva di queste caratteristiche tecnico-funzionale.

Bisogna inoltre ricordarsi che il destinatario del nostro lavoro non è il motore di ricerca ma l’utente, e per questo, occorre unire alle esigenze funzionali espresse da Google, le esigenze di navigazione degli utenti.


Vediamo allora quali sono le best practice da seguire per creare una landing page efficace in grado non solo di informare l’utente ma anche di convertire.


Utilizza un titolo accattivante

Il titolo è il primo elemento di contatto con l’utente: più questo sarà curato e attraente, più alte saranno le possibilità di catturare l’attenzione degli utenti.

Scegliere il titolo giusto può sembrare un’operazione banale, ma in realtà è un’attività che richiede molta creatività  e pazienza. 


Scrivi un paragrafo di introduzione breve e conciso

Dopo aver letto il titolo, l’utente ha bisogno di informazioni aggiuntive, chiare e semplici e per questo è bene affiancare al titolo un breve paragrafo descrittivo.


Cura la grafica della pagina

 La grafica nel web ricopre un ruolo importantissimo: spazi, colori, immagini e testo devono essere ben bilanciati e unirsi armonicamente all’interno della pagina. Una landing page graficamente curata donerà una navigazione più piacevole all’utente abbassando il rischio di abbandono.

Potrebbe interessarti anche: Creare un sito web efficace e performante


Utilizza immagini evocative

Le immagini, soprattutto se di qualità, rendono migliore l’interazione con gli utenti: hanno il potere di completare l’informazione e restare più impresse nella mente del fruitore.


Un buon testo coinvolgente e chiaro è utile per creare una landing page di successo

Il testo a seguire deve essere breve e coinciso e deve racchiudere le informazioni rilevanti per gli utenti. Riempire la landing page di testi non pertinenti o troppo lunghi, potrebbe far crescere il tasso di abbandono.


Inserisci i contatti dell’azienda

Una buona landing page deve avere i contatti dell’azienda e i pulsanti relativi ai canali social, ben visibili e facilmente individuabili.

Utilizza le “call to action”

Le “call to action” sono dei bottoni che stimolano l’utente a compiere un’azione: “chiama ora”, “iscriviti subito”, “clicca qui”, “acquista”. Per rendere le CTA più visibili e consigliabile dare loro un colore diverso rispetto quello del testo o della pagina. 


Inserisci il form di contatto 

La landing page è finita: le immagini sono perfette, il testo è chiaro e semplice e la grafica è impeccabile. L’utente ha deciso di lasciarti i suoi contatti, ma dove? Non dimenticare mai di inserire il form di contatto, meglio ancora se in cima alla pagina e alla fine. Fai in modo che sia visibile e intuitivo. Un utente che è deciso a lasciarti i suoi dati deve aver il form a portata di clic.


Accertati di creare una landing page responsive

Gli utenti accedono ai servizi digitali da diversi device: computer, tablet, smartphone. Ogni schermo ha misure e caratteristiche differenti per questo è doveroso realizzare landing page responsive cioè adattabile ad ogni schermo

.
Bene, ora hai tutto quello che ti serve per creare una landing page performante! Se dovessi aver bisogno di aiuto ricorda che il nostro team di esperti in Google Ads è pronto ad aiutarti.

Per maggiori informazioni clicca qui. Ti aspettiamo!

I PIÙ RECENTI:

L’Influenza dello Smartphone sulla Customer Journey

Il Customer journey è un processo rappresentato da macro e micro momenti. Ad influenzare il processo d’acquisto oggi, un ruolo chiave è giocato dall’uso dello smartphone. Conoscere i dati e tutti gli strumenti che entrano in gioco è fondamentale per migliorare e influire nel percorso di vendita.

Leggi Tutto »

ARTICOLI CORRELATI:

SERVIZI:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali (consulta la nostra Privacy Policy) per ricevere newsletter promozionali e commerciali sui prodotti/servizi offerti da BriefMe.it