Parliamo di Inbound Marketing

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Tabella dei Contenuti

Parliamo di Inbound Marketing, una metodologia che mette al primo posto le esigenze del cliente (e non dell’azienda) creando strategie efficaci, studiate e misurate sulle necessità di ogni singolo individuo.

Breve introduzione

Il processo d’acquisto da parte degli utenti è notevolmente cambiato negli ultimi anni. I consumatori arrivano al prodotto/servizio da diversi touchpoint (blog, social, motori di ricerca) grazie a contenuti rilevanti e utili per loro. L’Inbound Marketing è una strategia che si basa sul content marketing.

La creazione dei contenuti nell’Inbound Marketing ha lo scopo di rispondere e andare incontro alle esigenze dei consumatori che andranno a costruire la brand raputation dell’azienda.

Metodologia dell’Inbound Marketing

Il metodo dell’Inbound Marketing permette di trasformare i visitatori in clienti ed accompagnarli lungo il buyer’s journey, fino a farli diventare promotori del tuo business.

Nello schema qui sotto, possiamo osservare le 4 fasi dell’Inbound Marketing: attrarre, convertire, chiudere e deliziare!

Le 4 fasi dell’Inbound Marketing

Inoltre, attraverso software di marketing e automazioni, la strategia di Inbound può essere incrementata! Il miglior software a livello mondiale è oggi Hubspot.

Le fasi dell’Inbound Marketing:

Vediamo ora nel dettaglio le 4 fasi dell’Inbound Marketing:

Attrai

Attrarre significa sì aumentare il traffico sul proprio sito, ma quello giusto! Quindi è fondamentale individuare il target al quale rivolgersi e chiedersi: qual è il tuo cliente ideale?

Per farlo si possono progettare delle buyer persona, ovvero dei prototipi dei tuoi potenziali clienti, cosa fanno, cosa vogliono, che obiettivi hanno ecc.

Individuare la buyer persona ti permetterà di creare contenuti ad hoc, che genereranno l’interesse dei prospect e migliorare la tua strategia di comunicazione aumentando il traffico sul tuo sito.

Ma quali strumenti bisogna utilizzare in questa fase?

Blog: scrivi articoli contenenti informazioni utili, interessanti e rilevanti. Solo così aumentaranno i click sui tuoi articoli!

Social Network: grazie al vasto numero di utenti attivi sui social e alla capacità di questi canali di creare un rapporto B2C più diretto, un post pubblicato su un canale social sarà l’amplificatore di tutti i contenuti pubblicati sul tuo sito.

SEO: Fondamentale per il posizionamento del tuo sito web sui motori di ricerca sarà quello di produrre contenuti di qualità e l’utilizzo delle giuste keyword.

Pagine: Il tuo sito web deve essere “piacevole” da navigare, sia esteticamente sia nei contenuti. Obiettivo: incentivare le visite e la permanenza sulle tue pagine!

Converti

Bene, ora che il traffico dei visitatori sul tuo sito ora è aumentato il prossimo obiettivo e di convertirli in lead, aprendo un canale di contatto attraverso mail, form o landing page.

Vediamo quindi, quali strumenti utilizzare per avviare il processo di conversione:

CRM: uno strumento che consente di gestire in un unico luogo tutti i dati e le informazioni sui tuoi lead, le mail scambiate, i punti di interesse dell’utente e problemi dell’utente.

Call-to-Action: si tratta di link o pulsanti che invitano i visitatori a compiere un’azione, come richieste di informazioni o scaricare un materiale. Dunque qui è importate creare dei copy e delle immagini accattivanti, per spingere maggiormente gli utenti a compiere un’azione!

Landing Page: letteralmente “pagina di atterraggio”, dove gli utenti arrivano dopo aver cliccato sulla call-to-action contenente un form da compilare con i propri dati personali.

Form: modulo che i visitatori compilano con le proprie informazioni. Deve essere chiaro, non invasivo, e contenenti le domande necessarie per la tua attività.

Contatti: i lead convertiti devono essere tracciati e inseriti un database integrato e aggiornato, che permette di gestire in modo sensato ogni interazione.

Chiudi

Sei arrivato al terzo step della fase di Inboud, ovvero hai attirato i giusti visitatori, li hai convertiti in lead e adesso l’obiettivo è trasformare quei lead in clienti. Come? I brand devono innanzitutto attivare un processo volto alla creazione di una solida relazione basata su fiducia e autorevolezza. Inoltre, in questa fase il tempismo è la chiave di tutto: capire quando il lead diventa Sales Qualified Lead è fondamentale per aumentare le probabilità di chiusura del cliente.

Anche in questa fase possono aiutarti molti strumenti e tool a tua disposizione come Lead Scoring, Pipeline Management, Marketing Automation e l’ Email marketing.

Delizia

Siamo arrivati alla fase finale del processo di Inbound Marketing. In questa fase bisogna mantenere vivo il rapporto tra te e il cliente acquisito, deliziandolo a tal punto da trasformarlo in testimonial e promotore del tuo brand.

Ma come procedere affinché avvenga tutto questo? Mantenendo viva la comunicazione con il cliente! Condividi la sua esperienza d’acquisto positiva, coccolalo, fallo sentire importante oppure offrigli premi o sconti speciali.

I PIÙ RECENTI:

ARTICOLI CORRELATI:

SERVIZI:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali (consulta la nostra Privacy Policy) per ricevere newsletter promozionali e commerciali sui prodotti/servizi offerti da BriefMe.it