Cos’è il ROAS e come aumentarlo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Cos'è il ROAS e come aumentarlo

Tabella dei Contenuti

Il ROAS (ritorno sulla spesa pubblicitaria) è una metrica di marketing che misura quanto la tua azienda guadagna per ogni euro speso in marketing o pubblicità.

Il ROAS è simile al ROI (ritorno sull’investimento), ma il ROAS esamina specificamente il costo di una campagna pubblicitaria, rispetto all’investimento complessivo che potrebbe essere conteggiato nel ROI.

In poche parole, il ROAS misura l’efficacia delle tue campagne marketing e il modo in cui stai spendendo i tuoi soldi. 

Volendo fare un esempio, se il tuo ROAS è 5:1, significa che stai avendo entrate per 5 euro per ogni euro che spendi in pubblicità.

Come si determina il ROAS? Parliamo di numeri.

L’efficacia del marketing è tutta una questione di numeri: ROI, CTR, Conversioni e CPA sono in cima alla lista dei parametri da valutare  quando si tratta di determinare se una campagna ha successo.

Ma quei numeri da soli non danno un quadro generale della situazione.

Il ROI sì, ma tende ad essere troppo generico. La percentuale di clic indica quante persone hanno fatto clic, ma non quante hanno acquistato. 

Le conversioni possono portare a dei profitti, ma potrebbero anche far riferimento a soli download o registrazioni.

Tuttavia, se non stai monitorando il ROAS in aggiunta ad altri numeri, ci sono buone probabilità che tu stia prendendo decisioni sulla base di informazioni limitate.

Quindi, che cos’è il ROAS, perché è importante e, soprattutto, come migliorarlo?

Questo è ciò di cui tratteremo oggi.

Come posso calcolare il ROAS ( Return on Ad Spend) ? 

L’equazione per calcolare il ROAS è piuttosto semplice, anche se i numeri possono confondere un po’ le cose – prima, parliamo di come calcolare il ROAS, in modo assicurarci che tutti i numeri siano accurati.

Il ROAS si determina così:

roas calcolo

Questa equazione fornisce un rapporto che può essere utilizzato per determinare se una campagna sta funzionando o meno. 

Ad esempio, se una campagna genera entrate di € 1000 e costa € 200, il ROAS è di 5:1.

A questo punto potresti notare che è il procedimento di calcolo è molto simile a quello utilizzato per il ROI totale, ma non parliamo esattamente della stessa cosa. 

Quindi, in che modo il ROAS è diverso dal ROI? 

Il ROI fa riferimento al quadro generale della tua campagna e può essere influenzato, ad esempio, dal costo dei beni in vendita o dalla mancanza di margine di profitto.

Il ROAS, d’altra parte, esamina gli annunci, le campagne o iniziative specifiche, considerando solo i costi pubblicitari.

Questo può renderlo una metrica più efficace quando si decidere dove investire. 

Quali numeri devono essere considerati nel calcolo di un ROAS? 

Se desideri ottenere una visione accurata dell’efficacia delle tue campagne utilizzando il ROAS, devi assicurarti di prendere in considerazione tutti i costi degli annunci.

Chiaramente, bisogna considerare la spesa pubblicitaria effettiva, ma quali altri costi dovrebbero essere inclusi nel calcolo del ROAS?

Non dimenticare di inserire i costi pubblicitari meno ovvi, come:

  • Costi del fornitore: commissioni e commissioni di partner e fornitori.
  • Costi salariali: il costo del personale interno e non che ha contribuito alla campagna.
  • Commissione di affiliazione: 

Se questi costi non vengono conteggiati in modo accurato, il ROAS sarà impreciso, il che potrebbe comportare uno spreco di spesa in una campagna che non è efficace o addirittura annullare una campagna con un buon rendimento.

Qual è un buon ROAS? 

Non esiste un unico ROAS di riferimento. Un buon ROAS può variare in base alla campagna, al settore o persino agli obiettivi di marketing. Ci sono anche alcuni casi in cui un ROAS inferiore potrebbe non essere una brutta cosa.

Tuttavia, in generale, un ROAS di 4:1 o superiore indica una campagna di successo. 

Tieni presente che l’accuratezza del ROAS dipende in larga misura dall’ottenimento di numeri precisi per i costi e le entrate totali generate. Se hai un ROAS basso, il primo passo dovrebbe essere quello di assicurarti di individuare correttamente le entrate.

Quando va bene un ROAS inferiore?

Un ROAS inferiore potrebbe non indicare una campagna fallita in diverse situazioni. Ad esempio, se si utilizzano banner pubblicitari che tendono ad avere una bassa percentuale di clic, ma sono efficaci per aumentare la brand awareness, il ROAS potrebbe essere inferiore.

Inoltre, se stai lavorando per conquistare un nuovo mercato, un ROAS basso potrebbe andare bene poiché il tuo marchio lavora per guadagnare terreno.

Tuttavia, un ROAS pari o inferiore a 3: 1 dovrebbe seguire pausa. Potrebbe essere il momento di rivalutare il modo in cui viene calcolata la metrica o cambiare marcia con la strategia pubblicitaria.

Perchè è importante? 

Pur essendo un calcolo semplice, il ROAS può sicuramente complicare la situazione. 

Potresti pensare: “Sembra uno sforzo eccessivo e probabilmente sbaglierò.”

Con così tante metriche diverse da misurare, a che serve il ROAS?

Potresti semplicemente monitorare la tua percentuale di clic o il tasso di conversione? Sì, potresti.

Ma potresti perdere dati importanti sulle tue campagne a pagamento ignorando il ROAS. 

Ecco perché: la pubblicità riguarda le vendite, non solo il traffico o i clic. Traffico e clic sono buoni, ma le entrate sono ciò che conta davvero alla fine della giornata.

Se non riesci a trasformare il traffico in entrate, qualcosa non va.

Il ROAS fornisce una visione più approfondita di ciò che funziona per gli annunci, per i gruppi di annunci o per le campagne pubblicitarie, in modo da poter prendere decisioni su cosa continuare a fare e su quali strategie è tempo di abbandonare.

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria è migliore del CTR? 

Il ROAS offre uno sguardo più approfondito sui tuoi investimenti pubblicitari rispetto al CTR. Le percentuali di clic indicano solo quante persone hanno fatto clic su un annuncio, non se hanno fatto soldi con la campagna. Insieme, CTR e ROAS, possono fornire una comprensione più approfondita della tua strategia pubblicitaria.

Quindi uno non è migliore dell’altro.

Ad esempio, se ricevi 1.000 clic su un annuncio, ma il tuo ROAS è 2: 1, sai che l’annuncio genera clic, ma i clienti non stanno convertendo. Potrebbe essere il momento di esaminare la landing page, la pertinenza dell’annuncio o il percorso di conversione.

Devo tenere più traccia del ROAS rispetto al tasso di conversione? 

Non devi necessariamente tenere traccia solo del ROAS invece che delle conversioni. Queste due metriche esaminano cose diverse.

Il tasso di conversione misura l’azione, non necessariamente le entrate.

Ad esempio, una landing page potrebbe avere un tasso di conversione del 45%, ma cosa significa in euro? Il ROAS esamina le entrate, non solo le conversioni come download, clic o indirizzi email.

Idealmente, dovresti tenere traccia di entrambi.

Cosa può dirmi il ROAS sui miei annunci? 

Di per sé, il ROAS non fornisce dati utilizzabili, per questo; deve essere considerato insieme ad altre metriche per individuare dove nel processo di conversione le cose vanno male.

Ad esempio, supponiamo che tu abbia un eCommerce e stai conducendo una campagna di Google Shopping per scarpe da tennis. È una nicchia piuttosto competitiva, con artisti del calibro di Zalando e Footlocker, e può essere difficile generare vendite.

Crei un annuncio commerciale, lo lasci pubblicare per alcuni giorni e ora è il momento di vedere se funziona. Esistono diversi modi per misurare la tua campagna su Google Shopping, tra cui:

roas come calcolarlo

Supponiamo che tu abbia un ROAS basso, ma un alto tasso di conversione per la pagina dei prodotti Nike. Ciò potrebbe significare che il tuo prodotto potrebbe avere un prezzo troppo basso o che la tua strategia di offerta potrebbe essere focalizzata su termini chiave sbagliati. 

Un ROAS basso da solo ti dice solo che la campagna non è efficace.

Un alto tasso di conversione è di solito una buona cosa, ma non se stai spendendo troppo.

Il ROAS non fornisce metriche totalizzanti per la tua campagna pubblicitaria; piuttosto, ti dice il ritorno sulla tua spesa pubblicitaria e sul tuo contesto in modo da poter approfondire ulteriormente.

Come migliorare il ritorno sulla spesa pubblicitaria 

Cosa fai quando il ROAS di un annuncio è basso? Non mettere ancora in pausa quegli annunci. Ecco alcuni passaggi da compiere per primi.

Se una campagna ha un ROAS inferiore a 3, è tempo di approfondire il targeting, la precisione del ROAS e il costo dei tuoi annunci.

# 1 – Rivedi la sua precisione 

Se il tuo ROAS non è preciso, potresti finire per annullare una campagna altamente competitiva senza motivo.

Il primo passo quando devi affrontare un ROAS basso è rivedere le tue metriche. Stai considerando tutti i costi della tua pubblicità? Quale modello di attribuzione Google stai utilizzando?

I modelli di attribuzione del primo o dell’ultimo clic possono influire sul ROAS, facendo sembrare una campagna di successo senza successo. Assicurati di utilizzare un modello di attribuzione che abbia senso per la tua campagna.

Includi i costi al di fuori di quelli pubblicitari? Questi dati potrebbero distorcere il tuo ROAS.

# 2 – Riduci il costo dei tuoi annunci 

Il ROAS include due metriche: il costo degli annunci e le entrate. Se riesci a ridurre il costo degli annunci, puoi migliorare drasticamente il ROAS.

L’indice può variare in base alla tua attività e a quali tipi di annunci stai pubblicando. Tuttavia, qui ci sono alcuni fattori da considerare quando si lavora per ridurre il costo degli annunci.

  • Rivedi le parole chiave a corrispondenza inversa: verifica se stai sprecando la spesa pubblicitaria in termini che non desideri scegliere come target.
  • Migliora il punteggio di qualità: il punteggio di qualità di Google è una metrica che misura la qualità e se un annuncio è pertinente per le parole chiave a cui è destinato. Un punteggio di qualità migliore si traduce in un ranking degli annunci più elevato, che può migliorare drasticamente le entrate e ridurre la spesa pubblicitaria sprecata.

# 3 – Migliora le entrate generate dagli annunci 

La seconda metrica da cosiderare per il ROAS è costituita dalle entrate. Se hai fatto tutto il possibile per ridurre il costo dei tuoi annunci, è tempo di cercare modi per migliorare le entrate generate dai tuoi annunci. 

Assicurati di considerare il ROAS insieme ad altre metriche come CTR e CPC per vedere dove stanno andando i tuoi annunci. Quindi, prova queste strategie per migliorare il tuo ROAS.

  • Ottimizza le landing page: se un annuncio ha un CTR elevato e un ROAS basso, il problema potrebbe essere nelle tue pagine di destinazione. Assicurati di utilizzare un linguaggio simile sia sull’annuncio che sulle landing.
  • Ripensa alle tue parole chiave: stai prendendo di mira le parole chiave giuste? Se il ROAS è basso, riavvia la ricerca delle parole chiave. Considera le parole chiave con meno concorrenza in cui i tuoi annunci possono guadagnare terreno.
  • Automatizza le offerte: se stai pubblicando annunci Google, ti consigliamo di utilizzare le funzioni di offerta automatizzate di Google, ed impostare un ROAS target.

Non esiste un approccio unico per migliorare il ROAS. L’uso delle metriche insieme ad altre metriche che stai monitorando ti aiuterà a capire cosa sta andando storto.

Potrebbe essere il tuo annuncio, il tuo percorso di conversione, parole chiave o qualsiasi altro fattore. I suggerimenti sopra, tuttavia, ti faranno iniziare a percorrere la strada giusta.

Tieni presente che le campagne con un ROAS elevato potrebbero comunque perdere denaro se sprechi denaro in costi non correlati alla pubblicità come le spese generali.

Ad esempio, se una campagna ha un ROAS 10: 1, ma i costi di spedizione assorbono le entrate totali, potresti comunque perdere i profitti.

Ora che hai capito cos’è il ROAS ma vuoi affidarti a dei professionisti per la gestione delle tue campagne, inviaci una mail a [email protected] o visita la nostra pagina dedicata ai servizi di digital strategy.

I PIÙ RECENTI:

ARTICOLI CORRELATI:

SERVIZI:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali (consulta la nostra Privacy Policy) per ricevere newsletter promozionali e commerciali sui prodotti/servizi offerti da BriefMe.it